Sud-Est, Steve McCurry a Milano

Il dieci settembre prendeva l’aereo di ritorno dal Tibet. Giusto in tempo per assistere, il giorno dopo, al crollo delle Twin Towers, dalla finestra del suo ufficio a New York. Steve McCurry, reflex alla mano, ha intrappolato quegli istanti della tragedia americana.

Fotogiornalista, vincitore di due World Press Photo Awards, McCurry ha ritratto, attraverso i suoi viaggi in India, in Tibet, in Birmania e in Afghanistan, l’umanità, colta nei suoi atti più consueti, in guerra e in pace, nel dolore e nella gioia. Lui si è ritirato dietro l’obbiettivo, per lasciar parlare i volti, i colori, le emozioni dietro ai gesti. A partire dall’effige della ragazza afgana, celebre per la copertina del National Geographic, la mostra Sud-Est, al Palazzo della Ragione a Milano, espone 240 scatti del fotografo, allestiti attraverso un percorso sospeso in sei sezioni: L’altro, Silenzio, Guerra, Gioia, Infanzia e Bellezza.

Fotografie mute, che lasciano spazi e tempi per la riflessione. Si raccontano, pongono domande davanti all’inesorabilità della vita e della morte, bloccate in un momento delimitato dalla storia e al tempo stesso eterno.

“Ho imparato a essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te”.

Preghiere singole e collettive. Occhi che si lasciano scrutare dal fotografo. E, inevitabilmente, ti guardano.

http://www.stevemccurry.com/main.php

http://www.stevemccurrymilano.it/

barbara.leoni@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...